ParcoAppennino nel Mondo: Lucas Utrera, ancora un successo professionale per l’Ambasciatore Affettivo del Parco Nazionale a Cordoba

Lucas è stato di nuovo in Italia nel mese di maggio, questa volta per la 57ma edizione del Salone del Mobile che si è confermata ancora una volta l’appuntamento centrale, nevralgico e imprescindibile del panorama internazionale dell’arredo e del design. I padiglioni della Fiera di Milano hanno accolto più di 400mila visitanti di 188 paesi in 6 giorni. Oltre 500milla presenze negli eventi FuoriSalone 2018.

In questo contesto, per la prima volta, una università argentina è stata scelta per partecipare presso il Salone Satellite di questo prestigioso evento mondiale. Il Salone Satellite è dal 1998 il luogo d’incontro per eccellenza tra imprenditori-talent scout e i più promettenti progettisti under 35 anni. Quest’anno si sono puntati i riflettori sul Sud del mondo con il video–mostra ”AFRICA & LATIN AMERICA Rising Design / Design Emergente”.

Così, la “Cátedra de Equipamiento A de la Universidad Nacional de Córdoba” si è presentata con un piccolo gruppo di giovani designers della città e sono stati gli unici rappresentanti argentini in questa vetrina globale di novità, tra importanti Design Schools & Universities.

Tra questi giovani, proprio Lucas Utrera, attivo Ambasciatore Affettivo del Parco Nazionale dell’Appennino tosco emiliano, che, insieme ai suoi colleghi Sol Giraudo e Gastón Luna ha presentato il suo comodino PUENTE (Night table with dual USB quick charger and push system drawer), con ottima risposta di parte del pubblico. Questo suo disegno innovativo già è stato premiato in Argentina a livello provinciale e nazionale nel 2017.

ParcoAppennino nel Mondo, progetto del Parco Nazionale dell’Appennino tosco-emiliano gestito dall’Unione Comuni Garfagnana, è ancora una volta orgoglioso e felice per un Ambasciatore Affettivo di grande talento, impegnato nella riscoperta delle proprie radici culturali e deciso promotore delle bellezze del Parco Nazionale e della Toscana nel mondo.

Ci aspettiamo ancora un ritorno del nostro giovane designer nella regione delle sue origini e gli auguriamo un caloroso proseguimento professionale.